Home > Economia, Marketing & Comunicazione > Come risolvere la crisi dei mutui americani

Come risolvere la crisi dei mutui americani

giovedì, 14 febbraio 2008 Lascia un commento Go to comments

Come tutti sapete l’economia sta attraversando un brutto momento, soprattutto dovuto alla debolezza del dollaro e alla paura di un possibile e a mio avviso molto probabile periodo di recessione della stessa economia americana, dovuto alla crisi dei mutui subprime. E visto che questo è un blog in cui si parla anche di economia vi spiego cos’è.

Un mutuo viene definito “subprime” quando viene concesso ad un soggetto con un elevato rischio di insolvenza, a cui le banche difficilmente concederebbero un prestito vista la sua situazione finanziaria presente e passata dovuta a problemi nella restituzione di presiti avuti in precedenza. In questo campo operano istituzioni finanziarie che, applicando tassi di interessi più elevati rispetto al mercato, concedono prestiti a queste persone. Naturalmente il rischio per entrambi è molto elevato. La crisi è scoppiata perchè le persone non ce la facevano ad arrivare a fine mese e non riuscivano a pagare le rate del mutuo e le istituzioni finanziarie si sono ritrovate senza soldi ma con tante case, ma dato che il mercato è fermo ed in crisi le case nessuno se le compra… insomma un circolo chiuso!

Come convincere quindi le persone a comprarsi una casa e quindi ad accendere un mutuo con questi chiari di luna?

Gli uomini marketing della Ameriquest, società erogatrice di “mortgage” (che è leggermente diverso dal nostro mutuo ipotecario, infatti se non paghi si prendono la casa e ti sbattono fuori!) hanno pensato di giocare sull’equivoco tenendoci a precisare che loro non giudicano una persona dalle apparenze… ovvero che pure se sei al verde ti concedono il prestito!

Nel video, davvero da non perdere, troverete 10 spot uno più equivoco dell’altro!
Non c’è che dire… una campagna davvero ben fatta!



Fonte: www.ninjamarketing.it

Se l’articolo ti è piaciuto votalo cliccando qui

Technorati: , , , , ,

  1. venerdì, 15 febbraio 2008 alle 16:04

    Veramente ben fatta

  2. Ilaria
    mercoledì, 27 febbraio 2008 alle 14:52

    quel Di Tommasi dovrebbe poter leggere queste tue cose… bravo, complimenti, dalla teoria alla pratica. Finalmente hai anche il segno del mio passaggio, ecco sono passata di qui… ciao IB

  3. venerdì, 21 giugno 2013 alle 17:37

    I take pleasure in, lead to I found just what I used to be taking a
    look for. You have ended my four day long hunt!
    God Bless you man. Have a nice day. Bye

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: