Home > Attualità, Politica > Il governo taglia 400 milioni per gli stipendi degli statali

Il governo taglia 400 milioni per gli stipendi degli statali

Non mi va di commentare la notizia.

Mi limito a darvi il linkSONO SCHIFATO!!!

L’inflazione aumenta… tutto aumenta… e il governo che fa… toglie fondi agli stipendi fissi più bassi d’Europa!!!

Ciliegina sulla torta… taglia i fondi alle forze armate, mentre per tv dice che la sicurezza viene prima di tutto!!!

Hanno preso i voti degli italiani puntando sulla sicurezza e poi fanno esattamente il contrario!!!

Sveglia gente… SVEGLIAAAAAA!!!!!!!!

  1. biagio
    sabato, 19 luglio 2008 alle 15:47

    E’ una vergogna!!!
    Il premier pensa solo ai suoi interessi e intanto cerca di risollevare la drastica situazione italiana con drastici tagli a partire da quelle uniche persone che possono difendere la povera gente (polizia e carabinieri), inoltre caro alfonso non ci sono solo problemi di sicurezza, non dimentichiamo tutti gli alti tagli che riguardano la sanità italiana, si arriverà ad un modello all’americana dove solo i ricchi potranno avere cure mediche e non dimentichiamo il diritto allo studio, chi riuscirà a frequentare l’università…..e intanto ci fa fesso togliendo l’ICI, ma quello che mi chiedo io, nel corso degli anni a quanti tagli dovremmo assisitere ancora per compensare i mancati introiti dei comuni derivanti dall’ICI?

  2. lunedì, 21 luglio 2008 alle 12:33

    Posto una piccola lista di tagli, penso sia correlato…
    Eccovi l’ELENCO DEI TAGLI PER SOSTENERE IL MANCATO INTROITO ICI E LA DETASSAZIONE DEGLI STRAORDINARI (Fonte : http://www.rassegna.it )

    – Accantonamenti Ministero Solidarietà Sociale, 70 milioni
    – Fondo politiche sociali per 8 per mille, 1,25 milioni
    – Azzeramento incremento 8 per mille, 60 milioni
    – Altri accantonamenti politiche sociali, 50 milioni
    – Accantonamenti Ministero della Salute, 20,6 milioni
    – Riduzione del 50% contributo
    all’istituto mediterraneo di ematologia, 3 milioni
    – Fondo sostegno per le regioni impegnate
    nei piani di rientro sanitari, 14 milioni
    – Azzeramento del contributo per Istituto
    Salute dei migranti San Gallicano, 10 milioni
    – Osservatorio trasporto pubblico locale, 1 milione
    – Fondo trasporto pubblico locale, 113 milioni
    – Finanziamento innovazione trasporto urbano, 12 milioni
    – Valorizzazione beni immobili pubblici, 10 milioni
    – Fondo mobilità alternativa, 4 milioni
    – Restauro immobili patrimonio umanità, 10 milioni
    – Contributo sale cinematografiche, 2 milioni
    – Compensi componenti commissioni tributarie, 3 milioni
    – Fondo sviluppo isole minori, 20 milioni
    – Contributo accademia scienze terzo mondo, 0,5 milioni
    – Collettività italiane all’estero, 10 milioni
    – Fondo bonifiche aree militari, 10 milioni
    – Finanziamenti apicoltura, 2 milioni
    – Trasferimenti per agricoltura in Sicilia, 50 milioni
    – Fondi per agricoltura senza Ogm, 2 milioni
    – Fondi ricerca nel campo delle biotecnologie, 3 miloni
    – Agenzia nazionale per lo sviluppo d’impresa, 1 milione
    – Dumping cantierista con paesi asiatici, 10 milioni
    – Fondo demolizione naviglio obsoleto, 2,7 milioni
    – Efficienza energetica navi passeggeri, 1 milione
    – Liberalizzazione cabotaggio marittimo, 5 milioni
    – Spostamento trasporto su strada al mare, 77 milioni
    – Sicurezza trasporto Calabria e stretto Messina, 20 milioni
    – Rifinanziamento trasporto combinato, 15 milioni
    – Ammodernamento trasporto ferroviario, 10 milioni
    – Fondi per linee ferroviarie Roma-Pescara, 56 milioni
    – Interventi E78, Grosseto-Fano, 3 milioni
    – Fondi per le fiere, 4 milioni
    – Interventi infrastrutturali zona Treviso, 2 milioni
    – Interventi banda larga nel Mezzogiorno, 50 milioni
    – Fondo passaggio al digitale, 20 milioni
    – Fondo per attività nel commercio estero, 12 milioni
    – Trasferimento merci verso il trasporto per mare, 10 milioni
    – Finanziamento aree marine protette, 4,3 milioni
    – Difesa suolo dei piccoli comuni, 3,5 milioni
    – Finanziamenti rischio sismico, 1,5 milioni
    – Ammodernamento rete idrica nazionale, 30 milioni
    – Fondo per la riforestazione, 50 milioni
    – Contributo volontario un centesimo per il clima, 1 milione
    – Fondo fauna selvatica, 1,5 milioni
    – Contributi per le istituzioni culturali, 3,4 milioni
    – Contributo Festival pucciniano, 1,5 milioni
    – Spesa restauro dei teatri, 1 milione
    – Fondo per il ripristino del paesaggio, 15 milioni
    – Fondo 150° anniversario Unità d’Italia, 10 milioni
    – Fondo funzionamento licei linguistici, 5 milioni
    – Alta formazione artistica e musicale, 7 milioni
    – Centro ricerca biotecnologie di Napoli, 3 milioni
    – Fondo risanamento edifici pubblici, 5 milioni
    – Fondo servizi prima infanzia, 3 milioni
    – Fondo violenza contro le donne, 20 milioni
    – Autorizzazione spesa Telefono Azzurro, 1,5 milioni
    – Fondo solidarietà mutui prima casa, 10 milioni
    – Corsi formazione Bilancio di genere, 2 milioni
    – Inserimento statistiche di genere, 1 milione
    – Fondo per l’inclusione sociale immigrati, 50 milioni
    – Fondo attività socialmente utili, 55 milioni
    – Stabilizzazione lavoratori socialmente utili, 1 milione
    – Fondo per lo sport di cittadinanza, 20 milioni
    – Fondo eventi sportivi, 10 milioni
    – Contributo campionati mondiali di pallavolo, 3 milioni
    – Comitato italiano paraolimpico, 2 milioni
    – Sistema pubblico di connettività, 10,5 milioni
    – Poli finanziario e giudiziario di Bolzano, 6 milioni
    – Incremento a favore del Cnel, 2 milioni
    – Fondo funzionamento ordinario università, 16 milioni
    – Commissario sviluppo Gioia Tauro, 0,6 milioni
    – Anniversario Dichiarazione Diritti Umani, 1 milione
    – Credito di imposta alle imprese cinematografiche, 16,7 milioni
    – Riorganizzazione uffici locali all’estero, 10 milioni
    – Sostegno italiani nel mondo (cultura), 5 milioni
    – Cultura italiana all’estero, 0,5 milioni
    – Imprese amatoriali e flotta marittima, 5,2 milioni
    – Promozione sicurezza stradale, 17,5 milioni
    – Ricerca e formazione per i trasporti, 0,1 milioni
    – Miglioramento sicurezza della navigazione, 1,9 milioni
    – Promozione del libro e della lettura, 1,5 milioni
    – Responsabilità sociale delle imprese, 1,25 milioni
    – Finanziamenti Isfol, 25 milioni
    – Finanziamenti in materia migratoria, 1,5 milioni
    – Potenziamento viabilità Calabria e Sicilia, 500 milioni

    http://ale1980italy.wordpress.com/2008/06/24/berlusconi-er-reagan-de-noantri/

  3. lunedì, 21 luglio 2008 alle 15:39

    Posso chiedere asilo politico in Svizzera?

  4. mercoledì, 23 luglio 2008 alle 16:29

    Prova. Altrimenti prova ad espatriare. Un paese particolarmente sulla cresta dell’onda mi sembra sia l’Australia. E’ anche relativamente semplice avere il visto, trovare lavoro (ben pagato), avere il rinnovo del visto e dopo qualche anno la cittadinanza.
    In bocca al lupo.

  5. biagio
    mercoledì, 23 luglio 2008 alle 19:06

    io vorrei dire….ma questi tagli non potevano essere utilizzati per qualcosa di più concrete che elminare l’ici.
    Calcolando che togliere l’ici significa favorire chi ha una casa di proprietà e chi oggi ha case di proprietà? solo i ricchi, quindi si è andato a favorire solo le persone che hanno un certo tenore di vita

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: